Dichiarazioni di intento per i soli esportatori abituali

23 gennaio 2015

Nuova procedura dichiarazioni di intento - per i soli esportatori abituali

Cosa cambia

Il Decreto Semplificazioni Fiscali - articolo 20, D.Lgs n. 175/2014 - ha modificato la disciplina dell’invio delle lettere d’intento per gli esportatori abituali. Dal 1 gennaio 2015 gli esportatori dovranno inviare direttamente all’Agenzia delle Entrate le lettere d’intento che intendono trasmettere ai propri fornitori, per chiedere la non applicazione dell’Iva sugli acquisti da effettuare. L’esportatore abituale dovrà poi inviare al proprio fornitore la comunicazione e la ricevuta di avvenuta trasmissione telematica all'Agenzia delle Entrate.

Con l’entrata in vigore della nuova normativa, quindi, il fornitore non dovrà più comunicare al Fisco nulla, bensì soltanto verificare la correttezza di invio, da parte dell’esportatore abituale, della comunicazione d'intento all'Agenzia delle Entrate.
 

Disposizioni transitorie (dal sito Agenzia delle Entrate)

Fino all’11 febbraio 2015, gli operatori possono consegnare o inviare la dichiarazione d’intento al proprio cedente o prestatore, secondo le vecchie modalità. In questo caso, il fornitore non dovrà verificare l’avvenuta presentazione della dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate. Tuttavia, per le dichiarazioni d’intento che esplicano effetti anche per operazioni poste in essere successivamente all’11 febbraio 2015, vige l’obbligo, a partire dal 12 febbraio 2015, di trasmettere le dichiarazioni in via telematica e di riscontrare l’avvenuta presentazione della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate.
 

Modello e istruzioni Dichiarazioni di intento

Link al modello



Login
Password

Download

Collegamenti

© 2012 -  Logica s.r.l. - Rotonda Giuseppe Antonio Torri, 9 - I-40127 Bologna (BO)
Tel. +39 051 6013173 - Fax +39 051 6013153 - Clicca qui per e-mail
C.F/P.IVA 03109371207 - Rea BO-0492550 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v.